MISTICO HAPPEL JUVENTUS MINKIA CLUB


Il blog del tifo juventino mistico happelliano

... Guida cosmica per juventini vagabondi ...
qui la mischia è ordinata ...
qui si tengono le castagne, la sopressa de casada, il lardo ed il vino buono

... contiene espressioni di superbia,
arroganza, vi sono le parolacce e le donnine no perchè se le vede la moglie...

... il calcio per il resto è sempre lo stesso ...
22 koglioni in mutande che corrono dietro ad un pallone del kazzo ...

Se ne consiglia la visione a Juventini Superdotati ...



mercoledì 5 novembre 2008

La cucina della nonna: salsiccia con le rape

Ogni volta che andavo a casa di mia nonna (solo per le feste comandate in pratica) pranzavamo da loro. Il menu era quasi sempre lo stesso, cannelloni e la fantastica salsiccia con le rape.

Aveva una cucina enorme in muratura, stile ristorante, con otto fuochi e soprattutto non aveva il gas, era a legna. Parliamo degli anni ottanta non del dopoguerra, ma i miei nonni mai si sarebbero privati di una cucina del genere perché “cucinare così era un’altra cosa”.

La giornata in pratica la passavamo lì a guardare la nonna immersa nel suo da fare nonostante gli acciacchi. Così ho finito per imparare a memoria la ricetta della salsiccia.

Comprava un kilo di salsiccia di maiale, di quella doppia ed un po’ pepata che solo a Sorrento ho trovato. La faceva soffriggere con olio d’oliva, aglio ed un po’ di vino bianco in una pentola alta, come quelle che si usano per cuocere la pasta.

“Solo una stordita” diceva lei, ovvero bisognava spegnere a mezza cottura lasciando la salsiccia ancora un po’ cruda. Dopo aver lavato per bene quasi 2 kili di rape le infilava ancora bagnate nel pentolone dove c’era già la salsiccia (ecco spiegato il perché di una pentola con il bordo alto).

Lo sfrigolio delle rape bagnate a contatto con l’olio ed il conseguente odore acre ed appetitoso che inondava immediatamente la cucina li ho stampati dentro. Qualche volta aggiungeva un po’d’acqua se vedeva che il tutto iniziava leggermente a seccarsi. La salsiccia e le rape finivano per far avvinghiare i loro sapori come in un’amplesso amoroso. Quando finalmente ci si sedeva a tavola si aspettava che iniziasse a mangiare prima il nonno. Era legge…

Detari

11 commenti:

U carcamagnu ha detto...

grandissimo detari e grandissima nonna...
certo come titolo "la salsiccia della nonna", come proponevi tu, era certamente più significativo...;-DD

Detari ha detto...

carca sei un fracico, fattelo dire :-)))
certo che la salsiccia alle 10 del mattino, e che siamo in germania!

U carcamagnu ha detto...

per un giro di birra e salsicce ogni ora è buona... anzi mi hai fatto venire l'acquolina...

Gobbo Trentino ha detto...

Che fame ragazzi .... seite bastardi ... ma non sarà mica un copia incolla questo post? che poi se la prendono con me ...

U carcamagnu ha detto...

si è un copia incolla di una ricetta di nonna pina...:-O

Gobbo Trentino ha detto...

Ma nonna Pina o nona pJna ... perchè cambia eh ... sicuri che non sia un utente?

ju72 ha detto...

l'ha copiata..l'ha copiata

U carcamagnu ha detto...

i diritti d'autore sono della nonna di detari, alla sua dipartita i diritti sono transitati ai parenti di primo grado.
quindi se altrove vi è una tale identica ricetta essa lede la concorrenza sleale per imitazione servile.

Detari ha detto...

depositato il copyright anni orsono, mi dispiace per tutti (sotto il nome di nonna Imma, anzi Jmma)

Gobbo Trentino ha detto...

che lavoro fai Carca? ....

Gobbo Materano ha detto...

Che dite ci scommettiamo l'amministrazione di questo blog a salsiccie,rape e birra?

Come facevano i mitici bad spenser e terens ill