MISTICO HAPPEL JUVENTUS MINKIA CLUB


Il blog del tifo juventino mistico happelliano

... Guida cosmica per juventini vagabondi ...
qui la mischia è ordinata ...
qui si tengono le castagne, la sopressa de casada, il lardo ed il vino buono

... contiene espressioni di superbia,
arroganza, vi sono le parolacce e le donnine no perchè se le vede la moglie...

... il calcio per il resto è sempre lo stesso ...
22 koglioni in mutande che corrono dietro ad un pallone del kazzo ...

Se ne consiglia la visione a Juventini Superdotati ...



venerdì 25 marzo 2011

Delio Rossi




CONOSCIAMO MEGLIO... DELIO ROSSI
Per la felicità di Detari approfondiremo la filosofia, le conoscenze, di questo allenatore.
.
.
CARRIERA
Delio Rossi inizia la carriera da allenatore nel 1990 (a 30 anni!!) nel Torremaggiore, in Promozione.
Segue un'esperienza alle giovanili del Foggia, poi passa in C1 dove guida la Salernitana alla Serie B e sfiora l'impresa per la Serie A(arriva ai play-off ma son battuti dall'Atalanta).
Va a Pescara nel 1995 dove arriva sesto, e l'anno dopo torna a Salerno con cui conquista la promozione in Serie A. Proprio quest'anno realizza il record di punti per la serie B, giocando un calcio entusiasmante, e dai tifosi gli viene affibiato il famoso soprannome "IL PROFETA".
Gli anni seguenti sono un rapporto di amore-odio con il presidente della Salernitana, alla fine lascia per esperienze sfortunate a Genova(sponda rossoblù) e Pescara.
Finalmente nel 2002(dopo dodici anni di gavetta!!) arriva la Serie A e subentra a stagione in corso a Lecce, che non riuscirà a salvare dalla situazione già compromessa in classifica. Retrocede ma conquista immediatamente la promozione in Serie A, e nel massimo campionato guida il Lecce di pantaleo Corvino ad uno storico 10imo posto, giocando un calcio spettacolare, quasi "zemaniano", ottenendo vittorie leggendarie contro la Juve(a Torino) e contro l'Inter(in casa).
Nel 2005 passa all'Atalanta in condizioni disperate(ultima con molti punti di svantaggio dal terzultimo posto), rimette in piedi la squadra che inizia ad ingranare, facendo molti punti, ma oramai era troppo tardi, il distacco troppo gravoso, e non riesce a salvare la squadra.In quella estate riceve la chiamata di Claudio Lotito, ed inizierà un ciclo alla Lazio fatto di gran calcio e gran risultati. Arriva sesto la prima stagione(dopo calciopoli la Lazio verrà penalizzata), l'anno seguente Delio Rossi ottiene uno storico 3o posto (con 8 vittorie consecutive!!) , il terzo anno alla guida della Lazio è di "crisi" , con la squadra falcidiata dagli infortuni, e arriva 12esimo ma il presidente Lotito lo conferma per il quarto anno consecutivo. E' proprio in questa stagione, 2008-2009, che Delio Rossi con la Lazio ottiene risultati storici, vincendo la Coppa Italia, e suscita grande interesse per il suo calcio, in questa stagione batterà 2 volte consecutive la Roma rifilandogli 8 goal nei due match(4-2 e 4-1).Lascia la Lazio dopo questi risultati.
La stagione successiva viene chiamato dal vulcanico presidente Zamparini a sostituire Walter Zenga, la squadra palermitana sotto la sua guida vince e convince, arrivando al 5o posto con qualificazione in UEFA, Delio Rossi ottiene la conferma dal presidente. Nella stagione attuale, di alti e bassi, gioca comunque un gran calcio, uno dei migliori della categoria, ma il rapporto con il presidente è deteriorato da tempo(Zamparini lo incolpa della poca solidità difensiva). Dopo la pesante sconfitta 7-0 rimediata contro l'Udinese, a palermo, viene esonerato da Maurizio Zamparini. 
.
.
ASPETTI TECNICI E TATTICI 
.
La filosofia calcistica
Mi sembra opportuno che ad intervenire debba esser proprio Delio Rossi, in un'intervista di qualche anno fa(arrivato da poco tempo Palermo, per la precisione):"Quando sono arrivato a Palermo ho optato per il 4-4-2 a ‘'rombo’', in quanto ritengo che la squadra, come già aveva fatto la stagione passata, possa esprimersi al meglio con questo modulo. La scelta di un modulo piuttosto che di un altro è correlata con le caratteristiche dei giocatori. Sono del parere che sia relativamente agevole insegnare il novanta per cento delle conoscenze e dei principi di gioco legati ad uno specifico modulo, molto più lunghi sono invece il cammino e il tempo necessario affinché la squadra possa apprendere il restante dieci per cento, fatto di particolari, sfumature e dettagli. Per questi motivi non credo sia proficuo cambiare il sistema di gioco da una partita all’altra o durante la stessa partita.
.
La preparazione Atletica
Per ciò che concerne il miglioramento delle qualità atletiche ritengo che sia fondamentale il lavoro a secco, mentre per il mantenimento delle stesse può essere sufficiente il lavoro proposto col pallone, proprio per il fatto che se si lavora esclusivamente con la palla i giocatori tecnici fanno meno fatica. Ovviamente bisogna poi saper valutare il contesto a Palermo alleniamo la resistenza alla velocità attraverso partite a pressione ed esercitazioni di possesso.
.
La tattica ed il Modulo
Delio Rossi è un grande maestro di tattica, è uno che cura i particolari, dal punto di vista del modulo il suo preferito è il 433. Utilizza sempre la difesa a 4 e il resto lo adatta ai giocatori.
Nella Lazio e nel Palermo, ovvero negli ultimi anni, ha utilizzato il 442 a "rombo" ed il 451 ad "albero di natale".
Generalmente preferisce il centrocampo a 3, con un centromediano e due mezzali, è un mix di giocatori con caratteristiche differenti.
Delio rossi ritiene importante, nel calcio moderno, la figura del mediano davanti alla difesa, che, secondo lui:"Può anche non avere grandi doti di regista in quanto questo giocatore ha il compito di collegare le due catene laterali e innescare quella opposta, quando non si riesce a sfondare da un lato. I movimenti sono tutti studiati sia alla lavagna sia sul campo. Questo giocatore non deve inventare nulla, ha solo il compito di recitare lo spartito che gli viene assegnato. Per il compito che svolge non abbisogna che lui possieda un calcio lungo e preciso (50 mt), mentre il suo raggio di azione è limitato dentro i 30 mt"
Gli altri due giocatori dovranno possedere le caratteristiche di incontrista e incursore. Ne troviamo esempi nella sua Lazio e nel Palermo(Ledesma-Brocchi-Matuzalem e Bacinovic-Nocerino-Migliaccio).
Il concetto di calcio offensivo di Delio Rossi non prevede la presenza necessaria di tre attaccanti puri, ma di almeno tre punti di riferimento in fase offensiva, "assemblati" nella maniera più logica e complementare. E' lo stesso Delio Rossi a dircelo:"Le caratteristiche della punta centrale sono legate alla scelta dei due esterni offensivi. Se i due esterni hanno caratteristiche di velocità e resistenza, la punta deve essere brava tecnicamente, perché anche lui ha il compito di collegare le due catene laterali e il compito di far salire la squadra quando l’azione inizia dal lato opposto da cui non si è riusciti a bucare. Mentre, se uno dei due esterni offensivi ha le caratteristiche da tornante e l’altro da trequartista, allora la punta centrale può anche non essere molto brava tecnicamente e quindi non collaborare continuamente con i suoi compagni, ma deve avere le caratteristiche di finalizzatore."
Con questo mix di giocatori, Delio Rossi completa il reparto in maniera equilibrato, perchè ciò che perde con la punta in fase di manovra, lo recupera col trequartista.
.
La didattica
Da un punto di vista didattico ritengo fondamentale insegnare i concetti e non allenare il sistema."
Una particolarità di Delio Rossi(e anche di molti altri allenatori) è quella di dividere la squadra per reparti, con esercitazioni di tipo analitico, per la difesa, il centrocampo e gli attaccanti.Vedremo quindi gli otto difensori(si alternano gruppi da 4) lavorare sulla palla coperta/scoperta, o sulla gestione del trequartista, le diagonali e le coperture, vedremo attaccanti e centrocampisti lavorare senza opposizione.
Delio Rossi utilizza molto l'allenamento analitico, perchè ritiene che la riuscita di uno schema o di una manovra offensiva dipenda dalla qualità degli interpreti e non dall'avversario di turno. Molto utile questa didattica per dare un mentalità propositiva ed attiva ai suoi giocatori che quindi eseguono una serie di sviluppi offensivi senza opposizione avversaria con gli obiettivi della profondità, dell’ampiezza, dei tempi di gioco. Ciò viene conseguito curando la lettura, la dislocazione e l’interscambio ottimali dei giocatori nelle diverse posizioni.
Da non equivocare l'utilizzo di questa metodica con una didattica generale, in quanto Delio Rossi ricorre spesso anche alle partitelle, con giochi a tema(2-3 tocchi, un tocco, fuorigioco solo in area, solo palla rasoterra, etc), oppure all'allenamento situazionale con situazioni di 6vs7, 5vs7, etc. I due metodi dall'allenamento sono direttamente collegati, poichè nelle partitelle a tema o nelle situazioni di 5vs7 o 7vs7 i difensori(più il mediano) saranno chiamati a difendere secondo i movimenti provati nella seduta del mattino(quella analitica), e gli attaccanti e centrocampisti ad attaccare secondo gli schemi provati.
Lo sviluppo della fase offensiva è basato su alcune uscite di base che si collegano a una serie di sviluppi e di varianti in relazione al contesto tattico. Anche in fase difensiva la squadra deve riconoscere la posizione della palla, degli avversari e saper leggere i vari contesti. In base a questi è possibile che il reparto arretrato sia schierato su una linea o su due linee di copertura, che il mediano si integri o meno con il reparto di difesa ecc. Già nell'arco di poco tempo si ottengono risultati apprezzabili.  
.
.
CONCLUSIONI
Parlando di Delio Rossi parliamo di uno degli allenatori più "navigati" del panorama calcistico italiano, con una esperienza ventennale(malgrado i suoi 50 anni).
Allenatore accusato anche di "difensivismo" nelle sue esperienze di molti anni fà, ma che da allievo di Zeman(Foggia) e Galeone(Pescara) ha ripreso alcuni concetti del loro calcio, del 433 offensivo, ed ha saputo trasportarli e modernizzarli.
Allenatore che si è dimostrato intelligente nel corso degli anni, proprio perchè ha saputo raccogliere il meglio dai suoi maestri, selezionando gli elementi utili da quelli disutili.
L'impressione personale è che sia un allenatore minuzioso, attento ai dettagli, ma cosa più importante che si impegna ed adopera, giorno dopo giorno, per costruire una squadra con un progetto di gioco ben preciso. Infatti le sue squadre, dove ha potuto allenare con continuità, hanno sempre ottenuto risultati(Lazio e Salernitana sicuramente). Nonostante la progettualità e la minuziosità, è un allenatore che lascia ampi spazi alle caratteristiche intrinseche dei giocatori, e concede libertà alla loro fantasia nell'interpretare le situazioni di gioco.
Allenatore quindi molto preparato, "romantico", d'altri tempi, probabilmente "soffocato" dal risultatismo immediato italiota.

- Mr. Baggio18 -

30 commenti:

Scirea ha detto...

@sudafrica
non dare un dito a mariello ... che ti prende tutto il braccio ;-)
--------

sai cosa ci faccio con quel dito vero Gobbo?

Gobbo Trentino ha detto...

sai cosa ci faccio con quel dito vero Gobbo?
-----------------------

non essere volgare ... che ci leggono le famiglie ... come dice lo zio ... ;-)

nicecool ha detto...

NOn mi piace.

baggio ha detto...

meglio di Delio rossi di italiani ce ne son pochi secondo me

sj ha detto...

m'è venuta voglia di ciuingam

minkia che giornate,che giornate di merda e a spalare merda sto...

c'ho messo un po' a recuperare la lettura di tutto il materiale (interessantissimo come al solito o quasi) scritto da voi che evidentemente di pil non v'intendete

hasta la vista che s'accorcia e s'alza battista

U carcamagnu ha detto...

Rossi = zeman più giovane

U carcamagnu ha detto...

Io ancora vorrei o ucello padulo o giacca strizzata o gentile, anche se dev o dire che veder ferrara far bene con l'ander mi da da pensare.


E comunque prima bisogna allontanare puffon e orango matango the monster.

U carcamagnu ha detto...

Prendere un nuovo delpiero e rifuggire i portacateteri come pirlo gibalgino e altra monnezza a fine corsa.

Ps: cazzosport è cosi attento alle cose juventine che ieri sul sito chiamava Morrone il nostro giovane centrocamp in prestito al siena.

nicecool ha detto...

uella Carca, finalmente ti fai vedere, e sentire ma non toccare... :-D

nicecool ha detto...

...fotocopia F1: Ferrari ancora dietro...

Gobbo Trentino ha detto...

1. il nuovo zeeman è marino, anche per i movimenti narcolettici

2. data la situazione in cui ci hanno cacciato ferrara, delneri, blanc e calimero, occorre prima il piccone, poi la zappa, ergo la vanga ed infine il badile. Percui gente in gamba dalla presidenza in giù. la vedo grigia e non perchè sto guardano una fan dello zio ...

3. ferrara in nazionale è il suo terreno : raccomandati nullafacenti.

4. dopo i disastri di quest'anno non so più cosa dire e pensare.

5. cazzi di calimero e Co.

Detari ha detto...

che uomo

Delio intendo...

grazie mister, apprezzatissimo.

peccato che anche l'altro mister abbia fatto scelte diverse, adesso chissà quanto materiale ci sarebbe disponibile...

a proposito ma le donnine?
se l'Italia perde voglio le donnine da non confondersi con le nonnine dello zio..

Walt Kowalski ha detto...

anche qui la gente lavorano per voi
per darvi ogni giorno un sorriso
un motto su cui riflettere e anche
uno sbotto per farvi capire che
non siete soli nel cammino arduo
e tempestoso della vita ..


ma non ditelo al gobbaccio che me lo boccia .. lui è un bocciatore ...
esemplare da bocciodromo


ihihihi

U carcamagnu ha detto...

Non più tardi di dieci giorni fa ho postato un furgone di donnine di tutte le razze e stazze,e nessuno ha detto ne a ne ba, eloro si sono offese e adesso vogliono il frusciante.

U carcamagnu ha detto...

Delio rozzi = (maifredi + orrico) / glerean = serie B.

Detari ha detto...

carcamagnu io ho esultato per le tue donnine...nel segreto del mio studio ma l'ho fatto..
e lo farò sempre...

WLF e che carcamagnu ce la posti + spesso

Detari ha detto...

hanno fatto lo sconto a Moggi
nel centro commerciale del nuovo stadio

nicecool ha detto...

2 GAY STANNO FACENDO L'AMORE:

"Sai caro, ho fatto il test e ho
scoperto di avere l'aids..."

"Cosa?!
E me lo dici così??!!"

"Scherzo... ma mi piace quando stringi il culo!!!"

nicecool ha detto...

"Papà ho avuto il mio primo rapporto sessuale"

"E bravo il mio
ometto! A quando il prossimo?"

"Quando mi sarà passato il bruciore
al culo!"

Mark'O ha detto...

QURESTE DELLE IENE LO AVETE VISTO? pazzesco..potrei dare fuoco a tutto!!!

http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/216896/pelazzaun-prete-pedofilo.html

Mark'O ha detto...

detari amettilo!!! mi hai dato tu il -1 nel topci di ss :D

CSM ha detto...

condannato Moggi.

Non più incensurato!

Makr'O ha detto...

oggi ho sognato: sono stato a una festa con quagliarella (nel sogno lo chiamavo dolcemente "fabbiooo") che piange nelle miei braccia perche non lo riscatano causa del piede! :D :D :D
(ps1 non scherzo. ps2 normalmente non sogno mai calciatori, mi devo preocupare? forse la fase di bmk-iazzione e' conclusa :O

nicecool ha detto...

Zio ridammi la mail che l'ho lasciata in ufficio. :)

nicecool ha detto...

Anzi fai una cosa scrivimi qui:

nice_lan2002@yahoo.it

Detari ha detto...

detari amettilo!!! mi hai dato tu il -1 nel topci di ss :D

----------

non potrei mai.....

;-)

BlackWhiteHeart ha detto...

Penso che siano maturi i tempi per affidare una grande panchina a Rossi
anche se la sua Zemanianità mai sopità potrebbe essere problematica in una grande

nicecool ha detto...

Attenzione messaggio in codice per lo Zione:

hai tutto nella mail. Stop

procedi. stop

fammi sapere. stop

nicecool ha detto...

Ci sono degli sloveni veramente niente male. Ilicic gran bel giocatorino.

Gobbo Trentino ha detto...

pubblicato nuovo post ... di trionfo!!!